PDF Stampa E-mail
Giovedì 17 Maggio 2018 06:56

Tempo di dichiarazione dei redditi

5 x mille

un nuovo strumento per fare del bene: possiamo usarlo!

Aiutaci ad aiutarti!

Basta una firma per aiutare il nostro Movimento  ad esistere e per continuare a lottare per la difesa dei diritti delle Persone non autosufficienti

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 17 Maggio 2018 06:56

Adina - Comunicato stampa 10/05/2018

Facendo seguito al comunicato stampa del 18 aprile relativamente alla sentenza del Tribunale di Firenze che riconosce il diritto all'assistenza di un cittadino non autosufficiente ed afferma che non si può parlare di contratto privato fra RSA e utente, laddove siano i Servizi sociali ad effettuare il ricovero ed il costo della retta giornaliera sia definito nella convenzione fra Comune ed RSA.

ADINA ha ascoltato la risposta dell'assessore Funaro all'interrogazione promossa dal Consigliere Grassi: una risposta molto deludente che conferma che il Comune non ha davvero a cuore gli interessi dei cittadini e i loro diritti, ma si barcamena cercando sempre di risparmiare e di far pesare sulle famiglie le spese che il Comune stesso dovrebbe sostenere.

Lo ribadisce nel seguente comunicato.

 
PDF Stampa E-mail
Sabato 05 Maggio 2018 14:18

I ragazzi disabili e il dentista

Uno dei problemi più scottanti che terrorizza i genitori dei ragazzi colpiti da disabilità intellettiva è la cura dei denti.

Già di per sé, andare dal dentista non è piacevole per nessuno, ma la cosa diventa più complicata quando il paziente è un disabile.

Spesso l'unica soluzione possibile, per qualsiasi tipo di intervento, è l'anestesia totale.

Per approfondire la questione ci siamo rivolti a uno specialista del settore, il dott. Walter Rao, dello STUDIO RAO di Pavia, che applica delle strategie alternative per convincere il paziente a farsi curare i denti.

Leggi qui l'intervista

 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 20 Aprile 2018 15:33

Sentenza del tribunale di Firenze su contratti capestro in RSA

Comunicato stampa di ADINA di Firenze, relativamente alla sentenza del Tribunale di Firenze che riconosce il diritto all'assistenza di un cittadino non autosufficiente ed afferma che non si può parlare di contratto privato fra RSA e utente, laddove siano i Servizi sociali ad effettuare il ricovero ed il costo della retta giornaliera sia definito nella convenzione fra Comune ed RSA.

Qui il testo del comunicato stampa

Qui il testo della sentenza

 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 18 Aprile 2018 11:25

AGGIORNAMENTO ARCHIVIO SENTENZE - 12 APRILE 2018

L'archivio Sentenze è stato aggiornato con l'inserimento della Sentenza n. 00673/2017 della Seconda Sezione del TAR per la Emilia Romagna (Bologna), pubblicata in data 27 settembre 2017.

La Sentenza fa seguito al ricorso presentato dagli ADS di alcuni Disabili Gravi al TAR contro il comune di Bologna, sulla annosa questione del pagamento delle Rette per la frequenza e trasporto dei Disabili ai centri diurni.

Il TAR accoglie il ricorso "dichiarando l’illegittimità delle richieste di pagamento formulate dal Comune di Bologna nei confronti dei ricorrenti e la non debenza, da parte di questi ultimi, delle somme oggetto delle predette richieste".

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Aprile 2018 13:51

Quando  il  contratto  per  il  ricovero dell’anziano in casa di riposo è nullo ?

E' il titolo di un interessantissimo articolo pubblicato sul sito dello Studio Legale Stefania Cerasoli che commenta una recentissima  sentenza (n. 560/2018) del tribunale di Padova.
Una bella sentenza che non poteva mancare nel nostro "Archivio Sentenze".

 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Marzo 2018 07:21

Quanti di noi  e soprattutto quante Istituzioni sono al corrente della RISOLUZIONE DELL’ONU 46/119?

Propongo  un semplice riassunto della  suddetta Risoluzione , affinché il lettore possa giudicare quanti principi siano disattesi nelle Strutture del nostro Paese.

“Ogni paziente ha diritto a ricevere cure e una protezione sociale appropriate ai bisogni della sua salute e a ricevere cure e trattamenti conformemente alle stesse regole riferite agli altri malati. Ogni paziente deve essere protetto da danni che potrebbero essere causati in particolare da medicine inappropriate, trattamenti lesivi causati da altri pazienti, dal personale del reparto o da altre persone, o da altri atti idonei a provocare una sofferenza mentale o fisica.

Leggi tutto...
 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 1 di 44